Seleziona una pagina

In questo spazio ho affrontato i temi della SEO e, con maggiore frequenza, quello dei contenuti. Ne ho sottolineato l’importanza, le tecniche e il modo per non cadere nell’errore opposto, quello di esagerare e farsi denigrare dall’algoritmo di Google. E’ giunto il momento di affrontare questi due argomenti insieme, perchè la loro relazione sta diventando sempre più stretta e la loro interdipendenza evidente.

Ottimizzare il codice html è una pratica importante perchè rende ogni sito più visibile ai motori di ricerca. E’ importante creare e gestire al meglio le istruzioni che aiutano i motori di ricerca a “leggere” meglio il sito oppure a evitare che certe parti di un sito vengano lette dagli spider (si pensi ai file robots.txt). Tutte queste attività sono e restano fondamentali, ma da sole non assicurano la piena visibilità di un sito. Occorre altro. Occorre qualcosa di molto poco tecnico e molto creativo. Occorre saper scrivere, sapere cosa scrivere, sapere come pubblicare quanto si è scritto e sapere come diffonderlo al meglio.

seo-contenuti-snoopyEcco che si comprende quanto il contenuto, o per meglio dire la Content Curation, si diventata assolutamente centrale nell’attività di un SEO Specialist. Ciò complica la vita ai classici esperti di SEO, spiazzati dalla necessità di nuove competenze di cui non necessariamente sono dotati (anche Snoopy sa che scrivere non è semplice), ma dall’altra parte apre la strada a figure più complesse, meno tecniche ma con capacità creative e di scrittura più profonde.

Qual’è allora il percorso migliore per rendere un contenuto visibile? Lo provo a riassumere così:
1. Devi avere ben chiaro il tema su cui devi scrivere, comprese le parole chiave da valorizzare.
2. Scrivi un testo semplice, chiaro e completo seguendo le regole più elementari della SEO e valorizzando le keywords.
3. Pubblicalo sul tuo sito/blog o sul sito del cliente, se stai lavorando per lui.
4. Rilancialo sui siti più importanti di condivisione di contenuti, ad esempio Scoop.it, come faccio io.
5. Condividilo sui social network più appropriati, che non necessariamente è Facebook, ma possono essere Twitter, LinkedIn (pagina personale, aziendale, nuova discussione in un gruppo pertinente a ciò di cui ti occupi), Google+ (profilo personale e aziendale). Se ne conosci altri, utili ai tuoi scopi, utilizzali!
6. Se ricevi dei commenti o se qualcuno condivide il tuo contenuto, segui la discussione ed intervieni, aggiungi ai tuoi contatti chi ha consigliato o condiviso la tua discussione, allarga il tuo giro di conoscenze.

Questa è solo una parte di quanto si potrebbe dire riguardo l’importanza della SEO e la sua relazione coi contenuti. Per ora mi fermo qua, inutile dilungarsi ulteriormente, ma sono curioso di sapere la vostra opinione. Condividete quanto ho scritto? Voi come vi comportate?
A presto!

garriottrkf@mailxu.com